Prenotazioni

Tel: 0776 23.166
WA: 338 57 63 940

Dove siamo

Via D. Cimarosa, 86
03043 Cassino (FR)

VillaLinda-ISO-9001-2015
2018-07-18

Markers Epatite (SSN)

Vuoi avere maggiori informazioni?

Chatta con noi

Un operatore e a tua
disposizione per rispondere
alle tue domande

Chiamaci

Siamo a disposizione:
Tel:0776 23 166

Scrivici su Whatsapp

Scrivici direttamente su Whatsapp al numero 338 57 63 940

Ricontatto telefonico

Clicca qui per essere
ricontattato da un nostro
operatore

Nel nostro centro il test dei Markers Epatite è in convenzione con il Servizio Sanitario Nazionale (SSN).

La valutazione del dosaggio dei markers dell’epatite è di fondamentale importanza per stabilire se:

  • il paziente ha un’infezione acuta o pregressa da virus dell’epatite (stadio dell’infezione);
  • il paziente ha prodotto gli anticorpi contro il virus dell’epatite (precedente vaccinazione o risoluzione dell’infezione).

Presso il nostro Centro è possibile eseguire i seguenti test a seconda del tipo di epatite che si vuole indagare:

  • Anticorpi antiepatite A Totali;
  • Anticorpi antiepatite A di tipo IgM;
  • Anticorpi antiepatite A di tipo IgG;
  • Antigene HBs Ag per Epatite B;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo Hbs;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBs Titolo (test quantitativo);
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBc Totali;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBc IgM;
  • Antigene HBe per epatite B;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo Hbe Totali;
  • Antigene HDV per epatite D;
  • Anticorpi antiepatite D Totali;
  • Anticorpi antiepatite C.

Come viene eseguito il test?

Il test viene eseguito mediante un semplice prelievo di sangue venoso dal quale è possibile valutare la presenza o assenza di specifici classi di anticorpi. Il test non richiede alcuna specifica preparazione, anche se il digiuno è consigliato. L’assunzione di farmaci non influenza l’esito dell’analisi.

Come interpretare il risultato in caso di Epatite A?

  • Anticorpi antiepatite A Totali: se presenti, indicano l’avvenuto contatto del paziente con il virus A dell’epatite, senza stabilire se si tratta di una infezione acuta o pregressa;
  • Anticorpi antiepatite A IgM: se presenti, indicano che il paziente ha contratto l’infezione da virus A dell’epatite e che si tratta di una infezione in corso. La loro presenza piano piano va svanendo nei primi tre mesi dall’avvenuto contatto con il virus A;
  • Anticorpi antiepatite A IgG: se presenti, indicano che il paziente ha contratto l’infezione da virus A dell’epatite almeno da sei mesi e saranno presenti per tutto il corso della vita nel sangue del paziente, indicando la sua immunizzazione verso il virus A.

Come interpretare il risultato in caso di Epatite B?

  • Antigene HBs Ag per Epatite B: se presente, indica infezione in atto da virus B dell’epatite;
  • Antigene HBe per epatite B: compare nel sangue subito dopo l’antigene HBs ed altrettanto velocemente scompare, in concomitanza con l’aumento degli anticorpi anti HBc IgM;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBc IgM: compaiono nel sangue subito dopo l’antigene. Indicano che il sistema immunitario inizia a reagire all’infezione producendo questa prima classe di anticorpi, poi sostituiti dagli anticorpi IgG anti HBc che permangono nel sangue per tutta la vita;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo Hbe Totali: compaiono nel sangue subito dopo le IgG anti HBc e permangono nel sangue per 1-2 anni;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBs: compaiono nel sangue nella fase risolutiva dell’infezione da virus B e indicano che il paziente ora è clinicamente sano ed ha superato la fase infettiva. La presenza di questi anticorpi può anche evidenziare che il paziente è stato vaccinato con il virus B ed il suo sistema immunitario ha prodotto gli anticorpi contro il virus B;
  • Anticorpi antiepatite B di tipo HBs Titolo (test quantitativo): dosando il titolo di questi anticorpi è possibile stabilire se il paziente è ancora immune o meno nei confronti del virus B.

Accanto all’epatite B si deve necessariamente inserire l’epatite D (HDV). Si tratta di dell’infezione causata dal virus D dell’epatite, con potenzialità infettanti solo in soggetti che hanno già l’infezione da virus B dell’epatite o in soggetti che presentano cronicizzazione dell’HBV. La sovrainfezione da virus D dell’epatite determina la comparsa dell’antigene delta (HDV Ag) e successivamente degli anticorpi anti HDV.

Come interpretare il risultato in caso di Epatite C?

La presenza nel sangue di anticorpi antiepatite C indica guarigione o cronicizzazione dell’infezione da virus C dell’epatite. In caso di positività è necessario eseguire il test qualitativo e quantitativo per l’HCV RNA al fine di stabilire la presenza del DNA del virus C e la sua quantità.

Condividi su facebook
Condividi su twitter
Condividi su whatsapp
Condividi su email

Scopri tutti i servizi

Vuoi ricevere maggiori informazioni?

Compila il modulo con il tuo nome e il numero su cui possiamo chiamarti, ed un nostro operatore ti ricontatterà entro 5 minuti.
Il servizio è attivo:
Lun-Sab --> 07.00-20.00
Dom --> 08.00-12.00

Prenota una visita

Telefono

Il nostro centralino è a tua disposizione, chiama il numero 0776 23166

Whatsapp

Scrivici per info su Laboratorio Analisi e Pet-Tc
3385763940

Chat

Scrivici tramite chat per prenotare o avere maggiori informazioni